La storia di Flora Toscana | Flora Toscana Soc. Agr. Coop.
La storia di Flora Toscana

Flora Toscana

dal 1971 ad oggi

La nostra storia

Flora Toscana nasce dalla fusione, avvenuta nel 2008, di due importanti cooperative: Toscoflora di Pescia – PT e Geo-Flor Toscana di Marlia – LU, entrambe con una storia ed un’esperienza ultra trentennale nel comparto florovivaistico.

1971-foto-serra-logo-toscoflora TOSCOFLORA: L’origine è del 1971 (il 16 Settembre), quando un gruppo di floricoltori promossero la costituzione della cooperativa con lo scopo di realizzare un impianto di riproduzione di “talee radicate di garofani e di piante varie”.

Nel 1978, il 20 Giugno, si provvede a modificare lo statuto, si porta la sede legale da Pistoia a Lucca, per farne strumento societario adatto per gli acquisti collettivi dei Mezzi Tecnici, sul quale trasferire intanto l’attività svolta fino ad allora dai Consorzi Floricoli della Valdinievole e della Piana di Lucca.

Con il 1979 sia avvia in concreto l’attività (per la vendita dei mezzi tecnici). Si prende in affitto il magazzino di Via Amendola a Pescia delle dimensioni di circa 30 mq.

L’inizio concreto dell’attività di commercializzazione fiori avviene metà Febbraio del 1981 sul vecchio Mercato dei Fiori di Pescia, con l’affitto di 25 banchi, 5 file e l’’indicazione degli orari, degli impegni di fornitura del prodotto, la definizione del 1° organico operativo.

Geo-Flor Toscana GEO – FLOR: Geo-Flor viene costituita nel 1977 da un gruppo di coltivatori del Comune di Capannori con sede presso il Mercato Ortofrutticolo di Marlia (Lu).
Le prime attività sono l’acquisto di bulbi e di concime in forma collettiva. Subito dopo si avvia l’elaborazione del progetto per la nuova sede e il nuovo stabilimento: si individua il terreno, si predispone il progetto di massima. Poi si avvia la presentazione dei documenti alla Regione Toscana al fine di ottenere il finanziamento sulla L. R. 22/73, art. 11.

Con il 1984 inizia la vendita collettiva dei Gladioli, si approvano le prime regole per il conferimento e le relative trattenute da applicare a carico dei soci conferitori. Negli anni ’90 si apre una discussione con “Floricola Toscana”, altra cooperativa attiva sul mercato dei fiori di Pescia,  che si conclude con la sua incorporazione in Geo – Flor nel 1994. Questa operazione determina il cambio di denominazione (da Geo-Flor a Geo-Flor Toscana) e l’ampliamento della gamma dei conferimenti, con l’inserimento dei fiori tipici di Pescia (miniatura e garofani).

Sempre negli anni 90, a seguito di un crollo dei gladioli viene avviata una decisa riconversione colturale, verso colture di pieno campo (Rose a bacca, Ilex Verticillato, ecc.).

1988-Inaugurazione magazzino di via di montecarloTOSCOFLORA: Gli anni dello sviluppo.
Ngli anni 1982/1983 si lavorava quasi esclusivamente miniatura e trovammo, in Emilio Paolettoni un responsabile commerciale efficace e vincente. E’ stato in quel periodo che Walter Incerpi si inserisce nella struttura e comincia, con decisione e coraggio, a determinare indirizzi nuovi, avvertendo subito la necessità di non “cullarsi” sui successi parziali ma di anticipare i cambiamenti di mercato e adeguarsi di conseguenza e tempestivamente.

Il primo passo fu certamente l’insediamento nei locali di proprietà di Bonistalli Willy (a fianco del vecchio mercato). Nel 1986 iniziano i lavori per la costruzione del nuovo stabilimento in Via di Montecarlo dotato di ampia zona ricevimento dedicata al conferimento della produzione dei soci, celle frigo per oltre 500 mq, zona per negozio di vendita mezzi tecnici, zona per piantine e bulbi, uffici. Nel 1987 l’impianto è funzionante e all’inizio del 1988 (in Marzo) viene inaugurato ufficialmente.

La crescita impetuosa dell’attività dei primi anni ’90, impone la ricerca di altri spazi al fine di affrontare con più forza e organizzazione i nuovi mercati, così nel  settembre 1996, dopo una profonda ristrutturazione, viene inaugurata a Pescia la sede di Via Caravaggio. Questa ha dimensioni doppie rispetto a Via di Montecarlo: circa 7000 mq coperti con ampie zone di ricevimento del prodotto, oltre 2000 mq di celle frigo, zona adibita al confezionamento per l’export e per la GDO. Inoltre, superfici notevoli per uffici. In questa struttura viene trasferita l’attività di lavorazione e commercializzazione fiori. Ciò permette di dedicare Via di Montecarlo alla fornitura dei mezzi tecnici, piante e bulbi, uffici, sala consiglio e sala per le assemblee dei soci.

La crisi della produzione floricola nel frattempo si fa sentire e investe tutti, anche i nostri soci. La Cooperativa reagisce con iniziative di mercato e con la ricerca di nuove produzioni. In questo quadro inizia la collaborazione con Proteaflora (azienda vivaistica australiana) che ha permesso la costituzione del gruppo dei produttori di piante della flora australiana.
Così si creano le premesse per affrontare il confronto con le altre cooperative floricole toscane (Geo Flor e Flor Export) per la costituzione del Consorzio “Flora Toscana”.

flora-toscana-oggiFLORA TOSCANA: Il Consorzio e la Cooperativa Unificata.
Dopo un’ampia discussione e un accurato impegno preparatorio si arriva alla costituzione del Consorzio: Il nome scelto è “Flora Toscana”, Il simbolo riprende i caratteri di Toscoflora e di Geo-Flor Toscana, Il Consiglio è composto da 5 membri nominati da Toscoflora (Conforti, Batoni, Giuntoli, Giusti, Spinetti), 2 membri nominati da Geo-Flor Toscana (Marsalli e Caselli) e 1 nominato da Agriservice (Pagni Giuseppe), Il Presidente è Marsalli e il Vice Presidente è Conforti, Il Direttore è Incerpi, con Quilici Direttore Commerciale.
Il consorzio Flora Toscana inizia la propria attività, come programmato, il 1° Gennaio 2004.

L’esperienza consortile (dal 2004 a tutto il 2007) risulta fondamentale per verificare e sperimentare un’ intesa professionale ed umana fra i gruppi dirigenti, i gruppi sociali, intesa che si è rivelata molto profonda e stabile. Il 2004 è anno di grande impegno (rapporti nuovi con le Aste, approvazione piano di medio termine: riduzione trattenuta e introduzione costi fissi. Apertura, infine, del Cash & Carry presso il Comicent (inaugurazione nel mese di Febbraio 2004). Nel 2005 si continua con il lavoro di ampliamento dei canali commerciali; con l’applicazione della prima parte relativa alle nuove regole di conferimento; con l’incremento significativo della commercializzazione delle piante australiane dopo i primi anni di difficoltà. Nel 2006 si fa un ulteriore passo per attuare le nuove regole (abbattimento % della trattenuta e costi fissi); si partecipa alla costituzione, con altre cooperative del settore, del Consorzio “Viridarium” mediante il quale affrontare assieme il mercato Ungherese per la vendita di piante e fiori.

Fra la fine del 2006 e l’inizio del 2007 si avvia la discussione per realizzare la fusione, come conseguenza logica di una esperienza (il Consorzio) considerata ampiamente condivisa.
All’inizio del 2008 (il 7 Febbraio) si svolgono le Assemblee di fusione alla presenza del Notaio e il 13 Giugno, sempre del 2008, viene sottoscritto l’atto di fusione definitivo. Con le assemblee del 7 Febbraio 2008, in pratica Toscoflora incorpora Geo-Flor e Flora Toscana Consorzio; quindi assume la denominazione di “Flora Toscana società agricola cooperativa” .

Oggi Toscoflora e Geo-Flor Toscana sono brand commerciali di proprietà Flora Toscana.

Ringraziamo il collega Sergio Michelacci per aver tenuto vivo, negli anni, l’album dei ricordi delle fasi salienti della cooperativa.

<--- Torna alla TIMELINE